Il team Le nostre gare Le attivitą


       

“Biobike 6”, quando la MTB valorizza il territorio

A Ronzo Chienis, vincono la "pedalata ecologica"
Andrea Zamboni e Claudia Paolazzi

Questo il nome della “pedalata ecologica” di mountain bike che, sabato 3 ottobre,
alle ore 14.00, è andata in scena con successo in Val di Gresta, a pochi chilometri
dal lago di Garda e Rovereto, per organizzazione che vede coinvolti
L’ARCOBALENO CARRARO TEAM, con il patrocinio del Comune di Ronzo Chienis
e con il supporto logistico di Mad East Challenge (la società tedesca che promuove
una gara a tappe di MTB fra Germania e Repubblica Ceca), ed il prezioso aiuto
di un team di 70 volontari delle varie Associazioni Sportive, Ricreative, Culturali ecc., di Ronzo Chienis e dintorni, per assistenza, ristoro, musica, pasta party ecc.
Sponsor Banca Popolare Volksbank; Albergo Martinelli; Bicigrill Loppio; Montura,
Cantina Sociale di Aldeno, Pastificio Felicetti, TRENTINO.
Una conferma, la “BIOBIKE” nata nel 2010 per la felice intuizione di Mirko
Martinelli, giovane imprenditore locale, che aveva trovato già nella prima edizione, il riscontro di 170 corridori che hanno risposto con entusiasmo all’invito.
Gara certo, ma soprattutto evento promozionale, turistico ed anche con un
risvolto sociale.
«L’idea mi era venuta durante una pedalata in bicicletta – rivela Martinelli –.
Ho pensato che sarebbe stato bello abbinare la conoscenza del nostro territorio,
famoso per gli ortaggi biologici, ad un momento sportivo. E così in poco tempo
abbiamo messo in piedi questa giornata che appositamente avviene a fine stagione
per fare in modo che il circuito passi attraverso i campi dove è in corso la raccolta
delle verdure. Altro aspetto interessante è stato quello della sinergia che si è creata
per la gara fra organizzatori italiani e stranieri, che si è coniugata oggi anche con
l’incontro fra ciclisti locali e non. Ad esempio dal 2010 arrivano in pullman 60
persone della Germania; c’è chi corre e chi aiuta
».
Predisposto ad hoc per la competizione, il percorso lungo 21 km con un dislivello
di 700 metri tra Santa Barbara e passo Bordala è stato molto apprezzato
dai mountainbikers che ci hanno pedalato, ma anche ammirato luoghi perfettamente integrati con le attività umane, passaggi all’interno di boschi
e hanno ritemprato le membra con ristori all’insegna del “buono” biologico.

 
 

E per i più “corsaioli”, la novità era data dalla Up Hill cronometrata, dedicata
a Luciano Baldi (nella foto la premiazione), uno storico collaboratore
prematuramente scomparso, per i soli tesserati. E qui podio Internazionale con
la vittoria dell’Irlandese Nial Davis, su Michele Miori e sul tedesco Philipp Hofmann.
Se marmellate locali con succo di sambuco sono stati i protagonisti degli spuntini
lungo il percorso, al pasta party finale, proposto a partire dalle ore 16.00
sempre al parco dove la gara è iniziata e si è conclusa, la ha fatta da padrone
la pasta biologica Felicetti,con il sugo di verdure della Val di Gresta.
Nello stesso pacco gara gli organizzatori hanno privilegiato i prodotti del posto
fra cui le famose patate, le marmellate, i crauti. Riflettori puntati anche sui 50
bambini però, che hanno provato l’ebbrezza di un mini percorso in mountain bike,
guidati dai Maestri di Mountanbike FCI del CARRARO TEAM TRENTINO.
Che bello vederli “giocare” in sella alle loro MTB, ma pronti a sfide all’ultimo scatto,
all’ultima staccata su un percorso appositamente creato. Ogni categoria ha avuto
certo un vincitore, ma per noi tutti erano vincitori e come tali premiati.
Penalizzati dalle piogge notturne e dalle previsioni non certo benevole, al via in
75 e si è subito avvantaggiato un gruppetto sulle rampe che portano a S. Barbara.
Poi è salito in cattedra Andrea Zamboni, che ha accumulato un margine di 30”
sul Campione Italiano Allievi Zaccaria Toccoli. Allo scollinamento sul GPM del
Creino, i minuti di vantaggio sono quasi 2; restava la tecnica discesa con una
salitina finale viscida e qui si scatenava il giovane funambolo che si faceva sotto.
Vince quindi Andrea Zamboni del Brao Caffè in 53’29”; 2° Zaccaria Toccoli
del Carraro Team Trentino a 1’00, 3° Gianni Senter del Team BSR a 1’16”;
4° Michele Miori del Trentino Bike Team a 5’20”; 5° Marco Facchini della SSD
Tremalzo a 10’05”;6° Loris Bianche del Trentino Bike Team a 10’39”;
7° Mauro Bontempelli del Vertical Bike a 12’09”; 8° Massimiliano Tiboni del
Skatenateam Bike a 12’09”; 9° Stefano Rigotti del MTB Isera a 12’28”;
9° MICHELE MIORI del Trentino Bike a 6’25”; 10° Giuseppe Palladino
del MTB Isera a 14’25”.
In campo femminile si è involata subito ed ha dominato la tedesca Katja Donath
del Buttenheim in 1h15’21”; 2ª Patrizia Bettini del Team BSR a 18’10”;
3ª Anita Goeller del Buttenheim a 20’49”; Nella classifica di Società i tedeschi del
Buttenheim su MTB Isera e su Giuliani Cicli Arco.
Premiazione con Bio-ceste (una selezione di verdure bio) e vino; le collane ai
vincitori con patate e carote e poi tanti premi a sorteggio.

Le considerazioni finali a Paolo Garniga del Carraro Team:
Non temiamo crisi del 7° anno, ci siamo confermati e migliorati anno dopo anno
BIOBIKE,trovando un percorso che potremo definire da oggi in poi permanente
perché alla portata di tutti, con un evento che ha dato il la ad una politica turistica
incentrata sull’eco-sostenibilità ed eco-compatibilità, e che è diventata la classica
di chiusura, della lunga stagione di mountainbike in Trentino.
Appuntamento quindi a domenica 9 ottobre 2016!
”.

 

Inizio pagina
 


>>> fotografie

>>>classifiche


Partenza della 6ª Biobike 2015


Podio bambini


Podio Maschile



Podio femminile